centro di psicologia a chiari in provincia di Brescia

Centro Di Psicologia

Il centro di psicologia situato a Chiari in provincia di Brescia è specializzato nel trattamento di disturbi ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbi dell’umore, disturbi alimentari, disturbi della sessualità e traumi.

Svolge attività di consulenza psicologica e pedagogica, psicoterapia individuale, di coppia e della famiglia, logopedia, psicomotricità, formazione e ricerca.

È inoltre un centro accreditato ASL per la diagnosi e la certificazione dei disturbi specifici dell’apprendimento.

Maggiori Informazioni

I Nostri Servizi

L’ansia è una condizione psico-fisica caratterizzata da preoccupazione o paura, più o meno intensa di durata variabile, dovuta a una ragione precisa, o a cause apparentemente ignote.

Quando presente in misura adeguata, l’ansia ha un aspetto positivo perché permette di rispondere prontamente a situazioni di emergenza o di fronteggiare, nel migliore dei modi, situazioni stressanti (come un esame universitario, un colloquio di lavoro, e così via).

Diventa disturbo quando ricorre cronicamente e ha un forte impatto negativo sulla vita della persona, creando problematiche importanti nella sfera affettiva, sociale e lavorativa.

I disturbi d’ansia si classificano in:

  • disturbo da attacco di panico;

  • disturbo d’ansia generalizzata;

  • fobie.

Chi fosse interessato ad approfondire questo tema con la Dott.ssa Simona Chiari può telefonare al numero 3470741347 o mandare una mail a simona.chiari@centroclinicoclarense.it per prenotare un primo colloquio gratuito.

A tutti sarà capitato almeno una volta nella vita di avere il dubbio di aver chiuso la porta di casa e di essere tornati sui propri passi a controllare, o di aver bisogno di tenere in ordine la propria casa perché questo rilassa e fa stare bene. Una persona ordinata ci mette mediamente dieci minuti a sistemare la propria scrivania in ufficio, una persona affetta da disturbo ossessivo-compulsivo può avere bisogno di diverse ore.

Il disturbo ossessivo-compulsivo si caratterizza per la presenza di ossessioni e compulsioni, anche se in alcuni casi si possono presentare ossessioni senza compulsioni o viceversa.

Le ossessioni sono pensieri o immagini che si presentano alla mente in modo automatico, ripetitivo e intrusivo, sono vissute come estremamente disturbanti e irrazionali.

La cosa importante di questi pensieri è che non rappresentano le vere convinzioni, idee e sentimenti dell’individuo, anzi gli possono apparire assolutamente estranei e/o ripugnanti. Generano paura, malessere, tensione o disgusto.

Le compulsioni sono delle azioni, dette rituali che la persona si sente costretta ad eseguire ripetutamente senza potersi interrompere. Dovrebbero impedire terribili disgrazie e ridurre l’intensità di sentimenti sgradevoli, come ansia, tristezza, colpa e inquietudine. Resistervi si dimostra molto difficile, se non addirittura impossibile.

Il disturbo ossessivo-compulsivo crea gravi problemi nella quotidianità di chi ne soffre e può portare a ripercussioni critiche sulla vita affettiva, sociale e lavorativa.

Chi fosse interessato ad approfondire questo tema con la Dott.ssa Simona Chiari può telefonare al numero 3470741347 o mandare una mail a simona.chiari@centroclinicoclarense.it per prenotare un primo colloquio gratuito.

Disturbi dell’umore

Il tono dell’umore rappresenta il sottofondo emotivo della vita delle persone.

Ogni individuo ha una propria abitudine caratteriale, un proprio temperamento, che tende a manifestare con maggiore frequenza. Inoltre tutte le persone fanno l’esperienza di avere giornate in cui si sentono giù di corda, un po’ più tristi o irritabili del solito, un “po’ depressi”. Oppure di sperimentare giornate in cui si sentono particolarmente energiche, forti, determinate, “euforiche”.

Queste oscillazioni dell’umore sono normali fluttuazioni derivanti da avvenimenti interni o esterni all’individuo, destinate a risolversi spontaneamente.

Si parla di disturbo dell’umore quando si perde la capacità di adeguare il proprio stato d’animo in base agli eventi di vita, si verifica un blackout del proprio sentire emotivo indipendentemente da ciò che sta accadendo, andando a creare gravi ripercussioni nella vita affettiva sociale e lavorativa.

I disturbi dell’umore trattati presso il nostro centro sono:

  • depressione;

  • disturbo bipolare.

Chi fosse interessato ad approfondire questo tema con la Dott.ssa Simona Chiari può telefonare al numero 3470741347 o mandare una mail a simona.chiari@centroclinicoclarense.it per prenotare un primo colloquio gratuito.

Prima di dare una definizione di disturbo dell’apprendimento vorremmo dire che cosa NON è:

  • NON è un disturbo dell’intelligenza, i bambini con questo problema hanno un’intelligenza nella norma;

  • NON è un disturbo della vista o dell’udito;

  • NON è un disturbo psicologico o relazionale;

  • NON è la conseguenza di un’educazione inadeguata.

I DSA sono disturbi evolutivi di alcune abilità specifiche, che non permettono una completa autosufficienza negli apprendimenti scolastici.

Si distinguono in:

  • dislessia;

  • disgrafia;

  • disortografia;

  • discalculia.

La LEGGE n. 170/2010 riconosce che i DSA si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali, ma possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana.

All’art. 2 la legge persegue le seguenti finalità:

a) garantire il diritto all’istruzione;

b) favorire il successo scolastico, anche attraverso misure didattiche di supporto, garantire una formazione adeguata e promuovere lo sviluppo delle potenzialità;

c) ridurre i disagi relazionali ed emozionali;

d) adottare forme di verifica e di valutazione adeguate alle necessità formative degli studenti;

e) preparare gli insegnanti e sensibilizzare i genitori nei confronti delle problematiche legate ai DSA;

f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

g) incrementare la comunicazione e la collaborazione tra famiglia, scuola e servizi sanitari durante il percorso di istruzione e di formazione;

h) assicurare eguali opportunità di sviluppo delle capacità in ambito sociale e professionale.

L’ASL di Brescia ha riconosciuto il Centro Clinico Clarense come SOGGETTO AUTORIZZATO ad effettuare attività di prima certificazione diagnostica valida ai fini scolastici secondo quanto previsto dalla L. 170/2010.

Chi fosse interessato ad approfondire questo tema può contattare il dr. Paolo Zani al 3311176280 oppure scrivere a info@centroclinicoclarense.it per prenotare un primo colloquio informativo.

MODALITA’ DI LAVORO

La terapia di coppia implica un lavoro che va ad indagare le ragioni relazionali della crisi o del comportamento problema, mobilizzando le risorse individuali, accantonate a causa della crisi stessa.

La terapia prevede il lavoro in equipe formata da due terapeute.

La terapia è preceduta da una breve fase di consultazione necessaria per raccogliere informazioni utili per impostare il successivo lavoro e verificare la motivazione di ogni partner ad investire nuovamente nella relazione.

Terminata la consultazione, le sedute  hanno solitamente cadenza mensile.

modalità di lavoro

La terapia familiare prevede il lavoro in equipe formata da due terapeute.

La terapia è preceduta da una breve fase di consultazione necessaria per raccogliere informazioni utili per per comprendere le origini relazionali della sofferenza,  per impostare il successivo progetto terapeutico  e verificare la motivazione dei familiari.

Terminata la consultazione, le sedute familiari hanno solitamente cadenza mensile e la terapia può proseguire secondo diverse modalità in sedute congiunte o separate

modalità di lavoro

I disturbi alimentari prevedono una presa in carico familiare, l’approccio si basa sulla collaborazione di tutta la famiglia ( genitori e figli)

La terapia familiare prevede il lavoro in equipe formata da due terapeute.

La terapia è preceduta da una breve fase di consultazione necessaria per raccogliere informazioni utili per comprendere le origini relazionali della sofferenza,  per impostare il successivo progetto terapeutico e verificare la motivazione dei familiari.

Terminata la consultazione, le sedute familiari hanno solitamente cadenza mensile e la terapia può proseguire secondo diverse modalità in sedute congiunte o separate

Modalità di lavoro

Per affrontare in maniera efficace e risolutiva la situazione traumatica viene utilizzata la tecnica dell ‘E.M.D.R.( eyes movement desensitization and reprocessing)

Nell’ultimo decennio, l’E.M.D. R., ha ricevuto importanti riconoscimenti internazionali, che l’hanno accreditata come una terapia elettiva per il Disturbo da Stress Post-Traumatico (PTSD). E’  stata inserita nelle linee guida dell’International Society for Traumatic Stress Studies e il British Journal of Psychiatry e l’OMS (Organizzazione Mondaiale della Sanità).

L’E.M.D.R.   è una tecnica che viene usata  per accedere ai ricordi di esperienze traumatiche che sono alla base dei problemi attuali della persona ( ansia, ricordi intrusivi, difficoltà a instaurare relazioni soddisfacenti, somatizzazioni…) al fine  elaborare quei ricordi e portarli a una risoluzione adattiva e più utile.

L’E.M.D.R. implica la cura del ricordo doloroso del trauma che occupa la mente  eil cuore.

E’ inoltre utile per l’installazione di risorse positive e il recupero di competenze perdute in soggetti che non hanno fiducia nelle proprie capacità e che hanno consolidato un’immagine negativa di sé.

Alleniamo e potenziamo la nostra mente

Dott.ssa Raffaella Balducchi Psicologa – Psicoterapeuta –
    

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a

Centro Clinico Clarense, Vicolo Carmagnola 14,

 Tel.340-8170113         info@centroclinicoclarense.it

 

Il corso è formato da 7 incontri, durante i quali verranno proposti esercizi di stimolazione delle capacità cognitive, al fine di stimolare e mantenere in buon allenamento l’attenzione, la concentrazione, la memoria visiva e la capacità di memorizzare nuovo materiale.

Da svariate ricerche è stata confermata l’importanza di esercizi  specifici, in grado di permettere alla persona di rafforzare alcune abilità  e di migliorare il funzionamento mnestico nel suo complesso.

La pratica e l’esercizio di attività cognitive nell’età adulta infatti  può influire positivamente sul mantenimento della funzionalità.

Chi si sottopone a esercizi di rinforzo cognitivo, ha la possibilità di acquisire un approccio grazie al quale può continuare a svolgere attività utili al mantenimento e al recupero delle abilità mnestiche, anche una volta conclusa la serie degli incontri.

Il corso prevede una durata di 7 incontri.  Il costo è di 50 euro.


Equipe di terapia individuale:

  • Dr.ssa Simona Chiari: psicologa e psicoterapeuta a indirizzo cognitivo si occupa di disturbi d’ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbi dell’umore, disturbi dell’apprendimento. Lavora prevalentemente con adulti e anziani, si occupa dell’infanzia relativamente alla sfera degli apprendimenti e dei disturbi emotivi.

  • Dr.ssa Daniela Biatta, Logopedista, si occupa disturbi dell’apprendimento, disturbi del linguaggio, disturbi comunicativi e disturbi delle funzioni orali.

  • Dr.ssa Raffaella Balducchi: psicologa e psicoterapeuta a indirizzo sistemico si occupa di traumi utilizzando la tecnica dell’EMDR.

  • Dr. Paolo Giovanni Zani: pedagogista clinico e sessuologo si occupa di valutare e strutturare un percorso educativo caratterizzato da dimensioni socio-relazionali ed affettive, lavora con i bambini affetti da disturbi dell’apprendimento, e con gli adulti interviene sui disturbi legati alla sfera sessuale.

Equipe di terapia della coppia e della famiglia

Dr.ssa Raffaella Balducchi e Dr.ssa Serena Finotti: psicologche e psicoterapeute a indirizzo sistemico. Si occupano di problematiche di coppia e della famiglia. Lavorano prevalentemente con adulti e con bambini o adolescenti all’interno della terapia della famiglia.

Equipe per i disturbi dell'apprendimento

  • Dr.ssa Simona Chiari: psicologa e psicoterapeuta a indirizzo cognitivo si occupa di disturbi d’ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbi dell’umore, disturbi dell’apprendimento. Lavora prevalentemente con adulti e anziani, si occupa dell’infanzia relativamente alla sfera degli apprendimenti e dei disturbi emotivi.

  • Dr. Paolo Giovanni Zani: pedagogista clinico e sessuologo si occupa di valutare e strutturare un percorso educativo caratterizzato da dimensioni socio-relazionali ed affettive, lavora con i bambini affetti da disturbi dell’apprendimento, e con gli adulti interviene sui disturbi legati alla sfera sessuale

  • Dr.ssa Alice Vernia: logopedista, si occupa di disturbi specifici dell’apprendimento e di logopedia in età evolutiva.

  • Dr.ssa Luisa Bonini: neuropsichiatra

  • Dr.ssa Claudia Guuva: neuropsichiatra

  • Dr.ssa Elisabetta Pedercini: neuropsichiatra

Perchè rivolgersi ad uno psicologo?

Ho fondato il centro clinico con l’obiettivo di rispondere a tutti i bisogni psicologici dell’individuo, della coppia, della famiglia.
Per far questo mi avvalgo di diversi collaboratori, specializzati in tutti i rami della psicologia e pedagogia, sessuologia e logopedia.
Il nostro scopo è aiutare quelli che si rivolgono a noi nella loro totalità e complessità… come persone, non solo come pazienti!

Chi è lo psicologo?

Lo psicologo è un esperto di psicologia, la scienza che studia i processi mentali, il comportamento e le relazioni interpersonali degli individui attraverso un metodo scientifico.

I principali tipi o settori di attività dello psicologo sono:

  • valutazione psicodiagnostica e neuropsicologica;
  • valutazione in ambito giuridico;
  • interventi di riabilitazione di abilità cognitivo-motorie;
  • interventi di riabilitazione psicosociale (individuali e di gruppo);
  • interventi sulla disabilità e l’handicapp;
  • Interventi di counselling e di sostegno psicologico;
  • valutazione dell’idoneità per i vari tipi di adozione ed affido;
  • interventi di prevenzione e di educazione alla salute;
  • interventi nella scuola: prevenzione, educazione, orientamento e formazione.
  • Interventi nell’ambito del lavoro e delle organizzazioni, orientamento professionale, marketing, comunicazione e pubblicità;
Psicologo, psicoterapeuta e psichiatra, quali differenze?

Lo psicologo è una persona che ha conseguito la laurea in psicologia , ha superato l’esame di stato che abilita all’esercizio della professione ed è iscritto all’albo dell’Ordine degli Psicologi. Lo psicologo esercita la sua attività attenendosi alle norme del Codice Deontologico, che regolamenta l’esercizio della professione.



Lo psicologo attraverso un un ascolto empatico e non giudicante aiuta la persona a superare un momento di crisi fornendo un sostegno nella difficoltà, accompagnandola a capire quale sia la causa della sofferenza, quali emozioni stia provando, come mai non riesca a raggiungere i suoi obiettivi, e così via.

Può lavorare in diversi settori: clinico, sociale, scolastico, aziendale svolgendo attività di prevenzione, diagnosi, educazione, valutazione, e così via.

Lo psicologo non è abilitato a svolgere la funzione di psicoterapia.

Lo psicoterapeuta è una persona che dopo aver conseguito la laurea in psicologia o in medicina e dopo aver superato l’esame di stato che abilita alla professione, con relativa iscrizione agli albi professionali, ha frequentato un corso di specializzazione post-laurea della durata di almeno quattro anni in Psicoterapia.

Lo psicoterapeuta svolge attività di diagnosi e cura dei disturbi psicopatologici (ad esempio: disturbi d’ansia, disturbo ossessivo compulsivo, depressione, disturbi alimentari, e così via) attraverso l’utilizzo di tecniche, che insieme al colloquio clinico, gli permettono di approcciarsi in modo adeguato alla sofferenza della persona e portare alla risoluzione del disturbo psicopatologico.

Lo psichiatra è una persona che dopo aver conseguito la laurea in medicina e chirurgia, con superamento dell’esame di stato e relativa iscrizione all’albo professionale, ha conseguito una specializzazione post-laurea della durata di quattro anni in psichiatria.

Lo psichiatra esegue attività di diagnosi e cura dei disturbi psicopatologici attraverso la somministrazione di farmaci.

Quanto dura e quanto costa una psicoterapia?

Le tariffe variano a seconda del tipo di intervento che risulta necessario in quella specifica situazione, del percorso che si intende intraprendere e del tipo di professionista al quale ci si rivolge. È quindi necessario chiedere direttamente al professionista al quale si intende rivolgersi quali siano i costi del percorso psicologico o psicoterapeutico.

È importante sapere che che le tariffe per le prestazioni erogate sono indicate nell’apposito tariffario approvato dall’Ordine Nazionale degli Psicologi e rappresentano ad oggi una semplice indicazione e non un obbligo per i professionisti


Disturbo Ossessivo Compulsivo

ho bisogno di controllare e ricontrollare il lavoro fatto… un’imperfezione potrebbe causare un incidente e la morte della persona che ha portato la sua auto nella mia officina… anche quando ho ricontrollato una, due, tre volte non mi sento sicuro… e quando sento la sirena di un’ambulanza temo che sia uno dei miei clienti che ha avuto un incidente a causa mia…

 

Terapia Attacchi di Panico

Nel disturbo di panico vi è un improvviso, e a volte inspiegabile, attacco caratterizzato da un numero elevato di sintomi fisici (sensazione di soffocamento, capogiri, sudorazione, tremore, brividi,…) e cognitivi (paura di morire, di diventare pazzo, di perdere il controllo) che aumentano progressivamente o si manifestano entro un periodo di 10 minuti. Inoltre la persona può percepirsi come distaccata da se stessa e dal proprio corpo, o sperimentare un senso di irrealtà del mondo.

Fobie Specifiche

ho paura…non riesco più a fare le cose che facevo prima, ho paura di stare male… penso che potrei anche morire… non posso farcela. Ricordo benissimo quel giorno che sono stato morso da quel cane… la mia vita non è più la stessa…

È stupefacente quanto sia liberatorio essere capace di vedere che i tuoi pensieri sono solo pensieri e che non sono te stesso o la realtà… il semplice atto di riconoscere i tuoi pensieri come pensieri può renderti libero dalla realtà distorta che essi creano e genera un senso di maggior chiarezza e padronanza sulla tua vita

Psicoterapia Cognitiva

La terapia di coppia è consigliata a coloro che si trovano a vivere problematiche che riguardano le diverse fasi della vita di una coppia: coppie in dubbio fra il separarsi o re-investire nel matrimonio; coniugi che faticano a ritrovarsi coppia dopo la nascita dei figli; coppie in difficoltà a trovare una strategia comune nell’educazione dei figli; coppie che stanno affrontando la fase del “nido vuoto” a seguito della partenza dei figli.

L’intervento ha l’obiettivo di indagare le ragioni relazionali della crisi, di mobilizzare le risorse accantonate dai partner e di sperimentare alternative, sviluppando capacità che si sono bloccate.

psicoterapia sistemica

L’EMDR viene usato per accedere ai ricordi di esperienze traumatiche che sono alla base dei problemi attuali della persona, per elaborare quei ricordi e portarli a una risoluzione adattiva e più utile. Nell’ultimo decennio, l’E.M.D. R., ha ricevuto importanti riconoscimenti internazionali, che l’hanno accreditata come una terapia elettiva per il Disturbo da Stress Post-Traumatico (PTSD). E’ stata inserita nelle linee guida dell’International Society for Traumatic Stress Studies, e il British Journal of Psychiatry e l’OMS (Organizzazione Mondaiale della Sanità).

EMDR

Centro Clinico di Psicologia con sede a Chiari

Contatta il Centro Clinico Clarence situato nella città di chiari a pochi minuti da Brescia

 

Contattaci

ORTORESSIA: L’OSSESSIONE DEL CIBO PERFETTO

Spendi più di 3 ore al giorno riflettendo sulla tua alimentazione? Pianifichi i tuoi pasti diversi giorni prima? La possibilità che i cibi che assumi ti facciano ingrassare è sempre più importante del piacere di mangiarl? Il tuo stato d’ansia della tua vita è...

Gli Spuntini Notturni

“E’ più forte di me, mi sveglio e devo andare dritta al frigorifero, solo dopo aver mangiato qualcosa di dolce riesco a riaddormentarmi. Nei periodi peggiori mi sveglio anche più volte, non tengo nemmeno il conto, ma è l’unico modo con cui riesco a dormire un po’ ma...

Mangiare in Santa Pace: Le Abbuffate Solitarie

  “…il cibo è il pensiero principale della giornata, quando incontro il mio ragazzo o gli amici sono felice perché ho l’occasione di mangiare, non tanto di stare in compagnia. Quello che mi da fastidio è che non  sempre riesco a fermarmi, divoro tutto...

CARBOIDRATI SI, CARBOIDRATI NO

“Sto cercando di seguire la dieta che mi ha dato ma preferisco non mangiare pasta, riso o patate, ne mangio il meno possibile. In effetti ogni tanto mi sento debole, mi mancano le forze.” “Da dove nasce questo tuo rifiuto per i carboidrati? E’ una tua idea o qualcuno...

Tutta Colpa dei Geni

Non riesco a dimagrire, inizio una dieta perdo un po’ di peso e dopo poco tempo torno come prima. Invece mia sorella è sempre stata snella non come me, io assomiglio a mia mamma anche lei è sempre stata robusta, mia sorella è tutta mio papà, magri e mangiano quello...

Voglio una taglia in meno

…vorrei tanto rientrare nei jeans che mettevo prima della gravidanza ma anche dopo il parto non sono riuscita e perdere tutto il peso che avevo preso. Alcuni vestiti che ho preso poco più di un anno fa non mi vanno più bene e devo buttarli. Devo assolutamente perdere...

Solo un altro Caffè

“Mi sono sempre chiesto quanti caffè posso bere in un giorno, non ne prendo tanti ma non posso rinunciarvi, uno quando arrivo al lavoro, uno dopo pranzo e se serve anche a metà pomeriggio ma non so se mi fanno più male che bene”. Luca La caffeina, che non troviamo...

La Paura della Bilancia. Quante volte ti pesi al Giorno?

LA PAURA DELLA BILANCIA “Quante volte ti pesi al giorno?” “Di solito una volta la mattina, nei giorni in cui sono più nervosa  anche due o tre, specialmente nei periodi in cui mi metto a dieta o nei giorni in cui mangio troppo per controllare quanto varia il mio peso...

Un fisico Perfetto

“…è più forte di me, devo andare in palestra ogni giorno, se non vado non mi sento bene, come se mi mancasse qualcosa e. Sto attento a quello che mangio, seguo la dieta che mi ha dato il mio personal trainer e gli integratori che mi ha consigliato. Tutti mi dicono che...