Tempo stimato di lettura: 2 minuti

I media digitali ritardano il sonno nei bambini: uno studio

Questo studio condotto all’Università del Colorado-Boulder, ha cercato di illustrare il motivo per cui bisognerebbe evitare di utilizzare tablet e smartphone prima di andare a dormire, soprattutto i più piccoli.

È stato preso in esame un campione di 454 bambini e adolescenti (5-17 anni) ed è emerso che molti di loro utilizzano degli apparecchi elettronici prima di dormire:
_ il 60% va a letto con il cellulare;
_ il 45% lo usa come sveglia;
_ il 90% va a letto tardi o dorme male.

I ricercatori hanno spiegato perché si dorme male quando si utilizzano smartphone e tablet prima di andare a letto: la luce che emanano questi dispositivi abbassa la melatonina nel corpo (ormone che regola il sonno-veglia) e ciò produce degli esiti negativi sui ritmi circadiani e sulla fisiologia del sonno.
In altre parole i bambini esposti la sera a stimolazione luminosa, come quella di tablet e cellulari, non avranno sonno perchè il loro corpo non produrrà l’ormone melatonina come dovrebbe. Diventeranno nervosi e faranno fatica ad addormentarsi.

Secondo Monique LeBourgeois, autrice dello studio, “la luce è il nostro orologio naturale. Quando la luce colpisce la nostra retina durante le ore serali, invia una cascata di segnali al sistema circadiano al fine di tenere a bada la melatonina e ritardare il sonno”.

Adulti e bambini producono risposte diverse all’abbassamento della melatonina nel corpo, in quanto il livello di questo ormone si riduce di due volte in più nei bambini rispetto agli adulti.

Cosa si può fare per migliorare la qualità del sonno dei bambini?

Per questi motivi i ricercatori raccomandano di togliere tutti i dispositivi elettronici dalla stanza dei bambini. Sarebbe utile anche stabilire delle regole per l’utilizzo di questi dispositivi, inclusa la televisione.

3 delle regole importanti per preservare il sonno nei bambini sono:

  1. Dare un limite all’utilizzo dei media digitali ai bambini prima di andare a letto;
  2. Collocare tutti i dispositivi in una stanza lontana dalla camera da letto;
  3. Togliere ogni altra apparecchiatura elettronica dalle stanze da letto.

Oltre ad un diminuito stimolo del sonno e ad una minore quantità di esso, l’utilizzo non controllato di dispositivi digitali da parte dei bambini può portare anche ad altri disturbi come cefalee, dolori muscolari, difficoltà di concentrazione, tic.

Oltre che con le parole bisogna dare ai bambini un esempio in quanto i genitori sono sempre un modello per i loro figli, essi emulano automaticamente quello che fanno la loro mamma e il loro papà, piuttosto che ascoltare ciò che gli dicono. Il comportamento dei genitori può aiutarli a limitarsi più di mille regole.

Se il problema persiste è bene rivolgersi ad uno psicoterapeuta per ricevere aiuto e per avere consigli sulle strategie da utilizzare per limitare l’utilizzo dei media.

Ti è piaciuto questo articolo?
Share This