Una coppia si basa sul desiderio di due persone di creare un unione che le vincoli l’una all’altra e che duri per sempre.

Secondo il messaggio che ci viene dato oggi, la relazione di coppia si basa esclusivamente sull’innamoramento, sul fatto di “scoprire la persona giusta”, di incontrare l’altra metà della mela. Questa premessa induce molto spesso, di fronte alle inevitabili

difficoltà, alla convinzione di aver sbagliato persona e dunque a cercarne un’altra.

C’è piuttosto l’idea che se incontriamo una difficoltà, probabilmente  abbiamo sbagliato partner.

In una relazione amorosa ogni coppia attraversa delle fasi: illusione (momento dell’innamoramento), delusione ( l’altro si mostra anche per i suoi difetti) e la disillusione ( quando oltre ai pregi si vedono chiaramente anche i difetti), una cosa che invece sarebbe utile pensare è che l’unica persona che ciascuno di noi può veramente cambiare è se stesso: quindi di fronte ad una insoddisfazione di coppia, la sola reazione sensata che dovremmo coerentemente e coscientemente avere, sarebbe cercare di capire in che cosa possiamo cambiare noi.

Per diventare una coppia, per unirsi in una carne sola, l’innamoramento infatti non basta: l’amore va trasformato in un vincolo di attaccamento che si costruisce con l’impegno, investendo la coppia come legame privilegiato.

Il passaggio dalla fase di delusione a quello di disillusione è molto critico ed è in questa fase che possono apparire più chiaramente alcuni tradimenti da parte del partner. Tradimenti che non hanno a che fare con un partner sessuale.

il tradimento con la famiglia di origine: ci sono persone che si sono allontanate fisicamente dai genitori magari mettendo una grande distanza, ma che non riescono a considerare quella con il partner la relazione privilegiata, su cui investire di più, perché restano profondamente vincolati alla propria famiglia d’origine e in particolare all’uno o all’altro dei propri genitori.

Questo tipo di difficoltà è soprattutto vistosa nelle coppie che vanno in crisi nei primi anni della loro fondazione, gli anni in cui la coppia si forma.

–        il tradimento con il lavoro, ciò avviene quando il lavoro viene visto come unico modo di realizzare se stessi, di dare un punto saldo alla propria immagine di sé e per rafforzare la propria autostima.

–        Il tradimento con un figlio: per uno dei due coniugi diventa più importante, dà più soddisfazione, è più bello passare del tempo con il figlio, pensare a lui/lei, occuparsi di lui/lei, piuttosto che di una persona nei confronti della quale i sentimenti si sono andati un po’ appannando.

 

Come contattarci

Il Centro Clinico Clarense è un valido punto di riferimento, nella provincia di Brescia e Bergamo, per il supporto psicologico. Se sei interessato puoi telefonare al numero fisso 030.52.36.107, al mobile 347.07.41.347 o mandare una mail a info@centroclinicoclarense.it per prenotare un primo colloquio gratuito.

 

 

 

Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, sessuologa ed esperta pratiche mindfulness. Dal 2008 lavora come consulente per il Ministero di Giustizia e svolge consulenze di parte in ambito civile e penale.

Potrebbe interessarti anche:

Ti è piaciuto questo articolo? Vota!

Storie di coppia: quando non si tradisce solo con l’amante
1 (20%) 1 vote

Share This