Consulenza Nutrizionale

Le nostre abitudini alimentari, che spesso consolidiamo fin dalla più giovane età, influiscono non solo sul nostro stato ponderale e sulla nostra salute ma possono anche influenzare la percezione che abbiamo di noi stessi e la vita sociale.

La consulenza nutrizionale si pone l’obiettivo di analizzare le abitudini alimentari e lo stato ponderale per poter fornire le indicazioni per una sana nutrizione ed un corretto stile di vita.
La consulenza nutrizionale è un percorso individuale personalizzato che mira a fornire al soggetto gli strumenti adeguati ad affrontare con serenità e autonomia i cambiamenti di peso che siano questi mirati alla perdita o all’acquisizione di peso.

Cosa avviene durante la prima consulenza?

La consulenza parte da un primo incontro di raccolta di dati e informazioni sulla persona, fondamentali per l’elaborazione e la formulazione di una dieta adeguata alla persona. Le fasi della valutazione prevedono:

  • La raccolta di dati anamnestici e delle motivazioni che hanno portato a rivolgersi al nutrizionista;
  • Valutazione antropometrica e impedenziometrica: prevedono la misurazione della composizione corporea, del peso, della statura, della circonferenza vita, e della valutazione del metabolismo;
  • Anamnesi del comportamento alimentare: questa fase prevede la conoscenza delle abitudini alimentari passate e attuali, l’analisi dei gusti alimentari, dello stile di vita e la presenza di eventuali e pregresse terapie nutrizionali;
  • Valutazione di patologie legate all’alimentazione: il nutrizionista valuterà la scelta degli alimenti anche in base a possibili patologie alimentari, come per esempio intolleranze alimentari. Per questo è buona norma portare all’incontro con il nutrizionista le ultime analisi ematiche effettuate e una storia medica compilata dal proprio curante;
  • Stima del fabbisogno energetico: questa stima permette di valutare la scelta dietetica in base alle calorie da assumere e allo stile di vita del soggetto;
  • Individuare obiettivi da raggiungere realistici e condivisi;

Solo successivamente al primo colloquio di raccolta informazioni è possibile elaborare una dieta personalizzata e adattata per riequilibrare uno stile di vita alimentare inadeguato o problematico.
I campi d’analisi e intervento possono riguardare tematiche diversi: dal comportamento a tavola, alla fame emotiva e ancora ai pasti fuori casa. È importante monitorare il comportamento alimentare attraverso l’utilizzo di specifiche tecniche, come ad esempio la compilazione di un diario alimentare.

I colloqui successivi

I colloqui successivi sono volti a valutare i progressi raggiunti, eventuali problematiche stabilendo così la necessità o meno di ridefinire degli obiettivi realistici.
Compito del nutrizionista durante questi incontri è fornire l’adeguata guida e supporto necessari ad aiutare il paziente ad affrontare il percorso di cambiamento dello stile alimentare e di vita.
Questi incontri, con cadenza di tempo variabile, sono finalizzati al mantenimento del nuovo e sano stile di vita nel medio e nel lungo periodo e volti a verificare la capacità del paziente di seguirlo.

La fase di mantenimento

Nel momento in cui verranno raggiunti gli obiettivi concordati e il soggetto abbia realmente cambiato e fatto proprio il nuovo stile di vita, si passerà alla fase di mantenimento. La fase di mantenimento prevede il suggerimento di tecniche e suggerimenti utili a consolidare nel tempo lo stile di vita equilibrato.
Questa fase ha una cadenza nel tempo lunga perché è volta a valutare se il paziente riesce a mantenere nel tempo il peso e le abitudini acquisite durante il percorso alimentare.

Presso il Centro Clinico Clarense il biologo nutrizionista Dott. Andrea Bianchetti collabora con la Dott.ssa Elena Germani, psicologa e psicoterapeuta, nel trattamento dei disturbi alimentari.

Siamo qui per te!

Chiamaci allo 030/5236107

Oppure compila il form

*I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco.

Alcuni nostri articoli dedicati alla consulenza nutrizionale

Ortoressia: l’ossessione del cibo perfetto

Spendi più di 3 ore al giorno riflettendo sulla tua alimentazione? Pianifichi i tuoi pasti diversi giorni prima? La possibilità che i cibi che assumi ti facciano ingrassare è sempre più importante del piacere di mangiarli? Lo stato d’ansia della tua vita è aumentato...

Mangiare in santa pace: le abbuffate solitarie

  “...il cibo è il pensiero principale della giornata, quando incontro il mio ragazzo o gli amici sono felice perché ho l’occasione di mangiare, non tanto di stare in compagnia. Quello che mi da fastidio è che non sempre riesco a fermarmi, divoro tutto quello che vedo...

Carboidrati sì, carboidrati no

“Sto cercando di seguire la dieta che mi ha dato ma preferisco non mangiare pasta, riso o patate, ne mangio il meno possibile. In effetti ogni tanto mi sento debole, mi mancano le forze.”   “Da dove nasce questo tuo rifiuto per i carboidrati? E’ una tua idea o...

Tutta Colpa dei Geni

Non riesco a dimagrire, inizio una dieta perdo un po’ di peso e dopo poco tempo torno come prima. Invece mia sorella è sempre stata snella non come me. Io assomiglio a mia mamma anche lei è sempre stata robusta, mia sorella è tutta mio papà, magri e mangiano quello...

Voglio una taglia in meno

…vorrei tanto rientrare nei jeans che mettevo prima della gravidanza ma anche dopo il parto non sono riuscita e perdere tutto il peso che avevo preso. Alcuni vestiti che ho preso poco più di un anno fa non mi vanno più bene e devo buttarli. Devo assolutamente perdere...

Solo un altro Caffè

“Mi sono sempre chiesto quanti caffè posso bere in un giorno, non ne prendo tanti ma non posso rinunciarvi, uno quando arrivo al lavoro, uno dopo pranzo e se serve anche a metà pomeriggio ma non so se mi fanno più male che bene”. Luca   La caffeina, che non troviamo...