Valutazione D.S.A.

I Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) possono presentarsi in diverse forme:

  • Dislessia: disturbo nella lettura (intesa come abilità di decodifica del testo)
  • Disortografia: disturbo nella scrittura (intesa come abilità di codifica fonografica e competenza ortografica)
  • Disgrafia: disturbo nella grafia (intesa come abilità grafo – motoria)
  • Discalculia: disturbo nelle abilità di numero e di calcolo (intese come capacità di comprendere e operare con i numeri).

Agiscono rendendo difficoltoso il percorso scolastico dell’alunno, pur in presenza di un Quoziente Intellettivo pari o superiore alla norma. Per affrontare i DSA è necessario un lavoro sinergico fra specialisti, docenti, famiglie.

Le disfunzioni neurobiologiche alla base dei disturbi dell’apprendimento interferiscono con il normale processo di acquisizione della lettura, della scrittura e del calcolo.
I fattori ambientali – rappresentati dalla scuola, dall’ambiente familiare e dal contesto sociale – si intrecciano con quelli neurobiologici e contribuiscono a determinare il fenotipo del disturbo e un maggiore o minore disadattamento.

Il DSA è un disturbo cronico, la cui espressività si modifica in relazione all’età e alle richieste ambientali: si manifesta cioè con caratteristiche diverse nel corso dell’età evolutiva e delle fasi di apprendimento scolastico. La sua prevalenza appare maggiore nella scuola primaria e secondaria di primo grado.
La definizione di una diagnosi di DSA avviene in una fase successiva all’inizio del processo di apprendimento scolastico. È necessario infatti che sia terminato il normale processo di insegnamento delle abilità di lettura e scrittura (fine della seconda primaria) e di calcolo (fine della terza primaria).
Un’anticipazione eccessiva della diagnosi aumenta in modo significativo la rilevazione di falsi positivi. Tuttavia, è possibile individuare fattori di rischio (personali e familiari) e indicatori di ritardo di apprendimento che possono consentire l’attuazione di attività e interventi mirati e precoci e garantire una diagnosi tempestiva.

Valutazione e certificazione DSA

Il Centro Clinico Clarense è un centro autorizzato dall’ASL per la diagnosi certificata dei disturbi specifici dell’apprendimento.
Il centro si avvale di un’equipe di professionisti specificatamente formata sul tema dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento composta da:

La valutazione si caratterizza in:

  • Un colloquio conoscitivo preliminare con i genitori per l’acquisizione di dati e informazioni relativi al/la bambino/a o al/alla ragazzo/a
  • Circa 8 colloqui valutativi con:
    • logopedista
    • psicoterapeuta
    • neuropsichiatra
  • La restituzione ai genitori con eventuale certificazione

L’equipe garantisce:

  • la formulazione tempestiva della diagnosi;
  • la definizione degli obiettivi pedagogici per la strutturazione del Piano Didattico Personalizzato (strumenti compensativi e misure dispensative – L. 170.2010);
  • la consegna della relazione ai genitori e alla scuola (con appoggio, in caso di necessità, a strutture socio-sanitarie territoriali);
  • l’intervento sul minore individuale e/o gruppale a seconda dei bisogni emersi dalla valutazione;
  • il Parent-training (coppia o gruppale);
  • il Teacher-training (gruppale) – consulenza per stesura del Piano Didattico Personalizzato.

Siamo qui per te!

Chiamaci allo 030/5236107

Oppure compila il form

*I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco.

Alcuni nostri articoli dedicati alla valutazione D.S.A.

Bambini parlatori tardivi

Le conoscenze riguardo lo sviluppo del linguaggio del bambino nella prima infanzia si concentrano in particolare sulla produzione, cioè su ciò che il bambino dice. Quello che il bambino “sa dire” è però il risultato della maturazione di diverse competenze tra cui:...

Il disturbo specifico di linguaggio

Attorno ai 3 anni di vita un bambino dovrebbe avere acquisito tutti i suoni della propria lingua ed utilizzarli correttamente nel linguaggio spontaneo. Se oltre tale età il linguaggio rimane poco comprensibile per gli estranei oppure il bambino fatica a spiegarsi o a...

Funzioni orali del linguaggio

E’ importante che i genitori sappiamo che per un’evoluzione fisiologica delle funzioni orali e conseguentemente dell’articolazione verbale-fonatoria, bisogna abbandonare il succhiotto e biberon entro i 24-30 mesi. L’uso prolungato oltre tale età, influisce sulla...